Il Sistema integrato sui Rischi dei Sindaci e Revisori nelle PMI © 2019
(Supporto informatico professionale completo)

Siamo su Facebook

La versione unitaria del sistema integrale ha il pregio di rendere interattive l’area della revisione legale con l’area della vigilanza del Sindaco/Collegio sindacale e lo rende conforme all’"approccio metodologico alla revisione legale affidata al collegio sindacale nelle imprese di minori dimensione".

Ne sistema integrato, il Sindaco, con funzione di “Revisore legale” applica:

A) Le “Procedure di revisione ISA Italia” che declinano il processo di revisione in questionari, formulari e memorandum, in base al sotteso approccio al rischio nonché al controllo di qualità. L’intero processo di revisione viene suddiviso, in conformità agli I.F.A.C., in:

1. Pianificazione;

2. Risposta al rischio;

3. Monitoraggio;

 

VERSIONE DEMO
DEL PRODOTTO

EFFETTUARE IL
DOWNLOAD GRATUITO

DEL FILE COMPRESSO

(cartella)

SCEGLIERE IL FILE .rar o .zip

SALVARLO
NELLA CARTELLA DESIDERATA

ESTRARRE LA CARTELLA
E BUONA NAVIGAZIONE

.rar
.zip
A

Si riporta uno spaccato relativo alla significatività relativo alla sezione A – area pianificazione:

B

In sede di revisione di bilancio, il Sindaco-Revisore si posiziona nella Sez B) Programma di revisione dei saldi di bilancio e compila le Schede-guida e carte di lavoro, in conformità al quadro normativo di riferimento, finalizzando il tutto all’accertamento di errori significativi, sia a livello di bilancio che a livello di singole “asserzioni”. Le asserzioni, in particolare, rappresentano l’obiettivo del controllo, in termini di “completezza”, “esistenza”, “accuratezza / competenza” e “valutazione”.

In sintesi, il Revisore o Sindaco-Revisore, in base alla propria discrezionalità professionale, percorre l’iter procedurale predefinito e compila in modo sistematico, questionari, formulari, memorandum, Schede-guida e carte di lavoro, articolati in modo logico, organico e sequenziale.

Si riporta l’indice del programma di revisione da cui è possibile richiamare, per ogni posizione di bilancio, la scheda-guida e le carte di lavoro.

 
B

Si riporta, altresì, l’esempio di una scheda guida che, come si evince, associa la linea di controllo ( test ) alla tipologia di “asserzione della direzione” e rinvia alla carta di lavoro per la esecuzione del controllo.

 
B

Segue un esempio di carta di lavoro in cui viene descritto, preventivamente, il controllo da eseguire.  Eventuali controlli non eseguiti o ritenuti non rilevanti, potranno essere eliminati in quanto trattasi di un formato word completamente personalizzabile.

 
C1

Come riportato in premessa, il Sistema, in quanto integrato, permette di esercitare agevolmente la doppia funzione di Sindaco e Revisore per cui, il Sindaco, nell’eseguire il controllo della legalità, andrà a compilare:

C) le schede-guida /carte di lavoro analitiche “di vigilanza”, preimpostate, in formato check-list che lo guidano nell’applicazione sistematica dei principi di comportamento del collegio sindacale delle società non quotate. Le check-list condivise, hanno quindi l’obiettivo di assicurare la completezza e la correttezza della funzione di vigilanza per far fronte alle responsabilità condivise.

C2

Per la corretta e completa esecuzione del proprio mandato il Sindaco si posiziona nella sezione seconda (sez. C2)modelli e formulari, dove ” ha la possibilità di accedere a tutte le casistiche di intervento della funzione di vigilanza. Si sottolinea che, i formulari in formato word sono modificabili, per cui, una volta compilati potranno essere riportati sul libro verbali del collegio sindacale unitamente ai verbali trimestrali minimali ed alla Relazione sull’attività di vigilanza ai sensi dell’art. 2429, comma 2, c.c.

NOVITA'

[ Modulo indicatori rilevanti della crisi d’impresa ]

La riforma delle discipline della crisi di impresa è legge (Legge 155/18), con tempi di applicazione definiti e l’introduzione dello stato di crisi che ne rappresenta una rilevante novità.

 

La crisi, in quanto precedente e prodromica alla insolvenza, è stata definita dalla stessa norma come “lo stato di difficoltà economico-finanziaria che rende probabilel’insolvenza del debitore, e che per le imprese si manifesta come inadeguatezza dei flussi di cassa prospettici a far fronte regolarmente alle obbligazioni pianificate”. La stessa crisi, si rileva, tramite indicatori e gli indicatori significativi; questi ultimi sono rappresentati da: “il rapporto tra flusso di cassa e attivo, tra patrimonio netto e passivo, tra oneri finanziari e ricavi.

. Il Sistema Integrato dei rischi dei sindaci e revisori, in quanto rilevatore dei rischi e come tale preventivi, ha contemperato l’introduzione della riforma attraverso il Modulo “Indicatori rilevanti della crisi d’impresa”. Tale modulo rappresenta quindi un “ulteriore” strumento messo a disposizione del Sindaco e del Revisore (*) per monitorare preventivamente la crisi di impresa.

In termini operativi, con il Sistema Integrato, inserendo preventivamente sette dati di bilancio, in automatico, viene elaborata e restituita una micro-relazione aziendale che rileva: gli indicatori significativi modulati in formato numerico e in formato grafico, li raffronta agli indicatori finanziari di soggetti istituzionali oppure a parametri da noi scelti in alternativa, e relaziona sinteticamente su: la natura degli indici, la modalità di calcolo, la carenza o l’eccedenza in funzione al parametro di riferimento e la tendenza rispetto all’esercizio precedente; suggerendo tipologia e importo dell’intervento, al fine di rientrare dei suddetti parametri e non incorrere nella prospettiva dei “piani di risanamento aziendali” della riforma con le dovute conseguenze. E’, in effetti, uno strumento per osservare e valutare la continuità aziendale.

L’individuazione anticipata della crisi di impresa rappresenta, concludendo, per il Sindaco-Revisore una notevole opportunità per far fronte alle responsabilità professionali, cresciute ultimamente e, per la possibilità di utilizzo dello strumento come veicolo di una “consulenza implicita” che ci chiede il cliente all’atto della nomina e, in quale tale, applicabile anche per altri clienti a fronte di incarichi di diversa natura ( predisposizione di bilanci, consulenza aziendale, etc.)


AGENDA PER LE PIANIFICAZIONI DELLE ATTIVITA' - I TEMPI
2018 e 2019

 
PARTNER DIRETTO per la REVISIONE il BILANCIO e il CONTROLLO www.revisorionline.it
ALTRI PRODOTTI COMMERCIALIZZATI DALLA DLVA-FIDES CONSULTING S.R.L. PER OPERATORI FINANZIARI E PROFESSIONISTI D'IMPRESA
STRUTTURE COLLEGATE ALLA SOCIETA' DLVA-FIDES CONSULTING S.R.L.



 

CONTATTI PER INFORMAZIONI
Contatti mobile 340.8745069

 
| 2016-2019 Copyright by revisori.eu Tutti i diritti riservati | A-B-C1-C2 Il Sistema integrato sui Rischi dei Sindaci e Revisori nelle PMI (Supp. Informatico prof. completo) |